I sentieri blu della sardegna

8 Giorni / 7 notti

a Partire da 1.250€

Natura, Sport e Cultura

TREKKING CON GLI ASINI DALL'ENTROTERRA FINO ALLA COSTA

La Sardegna è un paese severo ed orgoglioso come le sue rocce modellate dal vento; un disegno ricchissimo e multiforme che alterna la forza aspra dei picchi a strapiombo sul mare a dolci insenature di sabbia bianca abbagliante, calette dalle cromie paradisiache che vengono invidiate dal resto del mondo. Vieni a scoprila percorrendo sentieri che partono dall’entroterra dei pastori e, seguendo il profumo dei corbezzoli e del maestrale, giungono fino al mare.

Natura
90%
Cultura
70%
Sport
50%

Arrivo all’aeroporto di Cagliari e trasferimento in bus privato a Jerzu. Ti trovi in Ogliastra, tesoro nascosto della Sardegna orientale. L’hotel in cui avverrà la sistemazione è immerso in un paesaggio ancora incontaminato e selvaggio, circondato dai Tacchi d’Ogliastra, cioè massicci rocciosi di origine calcarea il cui nome deriva dalla conformazione simile ad un tacco di scarpa. In questa terra fuori dal tempo sono ancora evidenti i segni dei suoi primi abitanti: nuraghi, domus de janas, fonti sacre, tombe dei giganti e menhir. Il viaggio ha inizio con la presentazione del programma della settimana, la conoscenza della guida e degli asini che ti accompagneranno nel tour. Tempo permettendo, farai una prima passeggiata con gli asini nel bosco. A seguire cena e pernottamento in albergo a Ulassai.

Percorso trekking: 2 ore, +100 m

In mattinata partenza da Jerzu per il trekking con gli asini. Questo paesino dall’entroterra è rinomato per la tradizione vitivinicola, e tra le sue colline viene prodotto il Cannonau, l’elisir di longevità dei Sardi. La camminata prosegue verso la valle dei Tacchi d’Ogliastra, accerchiati dalle sue aspre montagne. Ti avvicinerai alla costa passando dalle scogliere, per ammirare dall’alto le calette caraibiche, godendoti il rumore del mare che ad ogni risacca batte deciso contro gli scogli. In seguito ti riaddentrerai tra foreste di querce e macchia mediterranea, con il mare che fa da meraviglioso sfondo. La sera è previsto l’incontro con un erborista-guida che racconterà le proprietà delle erbe sarde, le cui note profumate accompagneranno tutte le escursioni. Proseguimento della serata e cena a Ulassai.

Percorso trekking: 6 ore, + 400 m

Si parte da Ulassai, il paese nativo dell’artista Maria Lai. Imboccando la ripida via delle montagne giungerai alle grotte, perla del patrimonio carsico della zona: ”Is Lianas” e ”Su Marmuri” sono tra le grotte più estese in Europa e tra le uniche a poter essere definite vive, poiché le maestose stalattiti e stalagmiti sono in lenta ma costante crescita. Uno straordinario monumento naturale si apre nelle rocce del Tacco di Osini; si tratta del canyon di San Giorgio. Secondo la leggenda il Santo, giunto ai piedi di un monte impenetrabile, pregò perché si aprisse un varco per rendere il cammino più breve e agevole. La gola è caratterizzata da pareti perfettamente verticali, maestose fratture e incisioni nelle rocce. Arrivo al rifugio e, dopo la sistemazione nelle camere, ci sarà l’oste con il quale si imparerà a fare la tipica pasta ogliastrina: i “culurgiones, cioè ravioli ripieni di formaggi freschi e patate, aromatizzati con erbe. Cena e pernottamento in albergo.

Percorso trekking: 6 ore, + 400 m

La mattina si parte presto in direzione Nuraghe Serbissi, un luogo mistico dal quale rimarrai affascinato. Dal termine di origine pre-indoeuropea “Nur”, letteralmente “mucchio di pietre cavo”, il nuraghe è uno dei simboli della Sardegna. Si tratta di costruzioni dalla forma circolare, con una o più torri e delle possenti mura che proteggevano il villaggio. Ancora oggi i grandi massi trasmettono il carattere forte e invincibile della civiltà nuragica, ricordata per i suoi guerrieri valorosi. Il complesso nuragico di Serbissi è immerso nella Foresta di Montarbu, una delle foreste primarie della Sardegna, e nasce sopra una grotta attraversabile. L’escursione prosegue con la discesa nella pittoresca valle di Gairo Taquisara, dove pranzerai in una tipica capanna dei pastori sardi, Su Cuile. Seguendo il percorso tracciato dagli zoccoli degli asini ti addentrerai nella fitta foresta di Niala, tra i lecci centenari e i freschi torrenti, per arrivare finalmente nel cuore della foresta di Montarbu, dove ci si fermerà in una casa forestale. Possibilità di fare il bagno nel fiume vicino al rifugio. Cena e pernottamento nel rifugio.

Percorso trekking: 7 ore, + 600 metri

Partenza di primo mattino per continuare il trekking con gli asini, attraversando la foresta di querce e lecci e seguendo il corso del Rio Ermolinus. Arrivo alla maestosa cima della Punta Margiani Pubusa, ovvero punta della volpe e dell’upupa, e dall’alto dei suoi 1.324 mt potrai ammirare le falesie del Monte Tonneri. Pranzo al sacco. Seguendo la via degli antichi pastori della transumanza, ci si dirigerà verso Perda Liana, area naturale protetta. È una torre di pietra calcarea, usata dai primi abitanti della Sardegna come luogo di incontro e di riti pagani. Il tour con gli asini termina qui, transfer a Santa Maria Navarrese dove è prevista la cena ed il pernottamento in hotel.

Percorso trekking: 6 ore, + 600 m

Da Santa Maria Navarrese parte il trekking panoramico lungo la costa ogliastrina per raggiungere Pedra Longa, un’enorme piramide di roccia che si erge dal mare, come il braccio di un titano che si estende dal centro della Terra. La “pietra lunga”, come è stata chiamata dai Sardi, fungeva da faro naturale per i marinai di un tempo, poiché con i suoi 128 mt di altezza è visibile da molti km di distanza. Pedra Longa segna l’inizio della spettacolare e selvaggia costa baunese, uno dei tratti più suggestivi del Mediterraneo, tra l’alternanza di bastioni calcarei a strapiombo sulle acque di un azzurro cangiante, le cale di ciottoli e le spiagge di sabbia morbida e bianca. È prevista una sosta durante la quale avrai la possibilità di fare il bagno nel mare cristallino. Pranzo al sacco o al ristorante. Nel pomeriggio partenza per il Monte Oro, un altro altopiano roccioso e luogo ideale per ammirare un panorama da cartolina. Rientro a S.M. Navarrese, cena e pernottamento in hotel.

Percorso trekking: 5 ore, + 400 m

La mattina l’itinerario riparte alla volta di Baunei, un piccolo villaggio a 25 minuti da Santa Maria Navarrese, fino all’altopiano del Golgo, un ambiente da selvaggio West. Facile trekking in discesa per Cala Goloritzè, una delle spiagge più amate della Sardegna: qui mare e monti si incontrano armoniosamente come in un dipinto nato da un sogno fantastico; l’aspro e roccioso litorale arretra dolcemente verso l’interno, creando una scenografica insenatura. Le acque turchesi sgorgano da sorgenti carsiche sottomarine, rocce marmoree modellate dal tempo affiorano dal mare, la macchia mediterranea profuma l’aria. Pranzo e pomeriggio in spiaggia. Trekking di rientro sul Golgo e partenza in bus per Cagliari. Arrivo a Cagliari in serata, check-in e cena in ristorante, notte in albergo al centro di Cagliari.

Percorso trekking: 4 ore, + 700 m

Il capoluogo della Sardegna offre scorci di quartieri storici con vista sul mare, vie dello shopping e terrazze panoramiche, tra cui l’inimitabile bastione di Santa Croce. Giornata libera a Cagliari, con la possibilità di richiedere una visita guidata in città o altre escursioni. A malincuore dovrai salutare questa meravigliosa isola dall’atmosfera mediterranea. Non sarà un addio, ma un arrivederci. Trasferimento all’aeroporto in tempo utile per il volo. Fine dei servizi.

La quota include

La quota non Include

Scegliendo questo viaggio Sharewood hai la possibilità di aderire al progetto LifeGate PlasticLess®  e contribuire in maniera concreta al recupero di rifiuti plastici nei mari italiani. LifeGate PlasticLess® è un progetto nato per tutelare la salute del mare con l’obiettivo di diminuire l’inquinamento degli oceani attraverso la raccolta dei rifiuti plastici nelle acque dei porti e nei circoli nautici.

vuoi parlare con un Travel Expert?

Contattaci!