La mistica Siberia

13 Giorni / 12 notti

a Partire da 2530€

Un'esperienza unica

VIAGGIO AL CENTRO DELL'ASIA

Questo avventuroso viaggio è un’occasione unica per conoscere tre tra le più selvagge regioni della Russia: la regione di Krasnoyarsk, la Repubblica di Khakassia e la Repubblica di Tuva. Scoprirai come vivono le tribù delle steppe, camminerai nei panni (o meglio negli stivali) dei nomadi, entrando in contatto con la natura incontaminata, comprenderai cosa significa essere uno sciamano, conoscerai la cultura dei vecchi credenti e ti immergerai nel vecchio stile di vita russo. Sulla strada, si passerà per foreste di conifere, steppe semidesertiche, spazzate dal vento, scoscesi fiumi di montagna e sorgenti termali. Uno spettacolo mozzafiato.

Natura
90%
Sport
70%
Cultura
90%

Si parte!

Arrivo a Krasnoyarsk. Trasferimento dall’aeroporto all’hotel, check-in e tempo libero per riposare o scoprire in autonomia la città di Krasnoyarsk. Possibilità di attività opzionali: tour guidato della città o visita alla riserva naturale di Stolby, situata a 30 minuti in macchina dal centro della città. Pernottamento in hotel.

Khakassia

Colazione e trasferimento da Krasnoyarsk a Khakassia. Durante il tragitto sarà graduale il passaggio dalle foreste di conifere ai boschetti di betulle, fino ad arrivare ai brulli territori della steppa.
Le 170 incisioni rupestri di Boyarskaya, raffiguranti scene della vita quotidiana dell’epoca come case, caccia, arcieri, cavalieri ecc, sono l’unica reliquia della cultura archeologica di Tagar, datati tra il 7° e il 3° secolo a.C.. La visita continua ai cosiddetti “luoghi di potere”, la Valle di Salbyk e il tumulo di Big Salbyk, datati tra il 4° e il 5° secolo a.C.. Impressionante la piazza di quasi 5000 metri quadri, circondata da megaliti di pietra alti 6-7 metri e di circa 50 tonnellate di peso. Viene descritto come lo “Stonehenge siberiano” e si ritiene essere un antico osservatorio ed un tempio. È ancora un mistero come gli antichi popoli siano riusciti a trasportare quelle enormi rocce dalla riva del fiume Yenisey. Trasferimento al villaggio Askiz e sistemazione in hotel. Cena tradizionale della cucina Khakassiana. Pernottamento in hotel.

Kazanovka

Colazione e visita al museo archeologico e riserva di “Kazanovka”, escursione all’insediamento Khassian. Qui si entrerà in contatto con le origini di questa cultura, osservando il rituale “kamlanie”, toccando la pietra di granito Akh Tas (risalente a 4000 anni fa e, secondo le credenze del luogo, in grado di curare le persone) scoprendo le 9 fasi della vita di uno sciamano, come il fascino “tyosi” custodisce la famiglia Khakassian, e perfino perché in lingua Khakassiana non esiste la parola per fieno.
Sistemazione nelle tradizionali yurte di Khakassian. Cena nella riserva. Possibilità di assaggiare piatti nazionali esclusivi come le salsicce “kharty” e “khaima” e i formaggi locali, e di ascoltare leggende e miti Khakassian. Pernottamento in yurte.

 

Altura di Safronovsky

Colazione e partenza presto da Kazanovka per vedere l’alba sull’altura di Safronovsky. Visita ai 50 megaliti di pietra di Owing, con incisioni rupestri risalenti al 5° secolo a.C.. Per la ricchezza delle incisioni e il loro significato profondo, è chiamata “l’enciclopedia dello sciamanismo siberiano”. Segue un’escursione al museo all’aperto “Khaya Khoos” di arte rupestre di Poltakovsy, dove gli archeologi hanno raccolto gli esempi più interessanti di arte rupestre antica di Khakassia. Trasferimento al rifugio forestale “Leopardo delle Nevi” in case in legno di cedro con caminetto e toilette bio. È possibile godersi una sauna russa, “banya”. Questo rifugio forestale, per coloro che vogliono esplorare la foresta a piedi, offre anche interessanti percorsi di trekking di lunghezze diverse sulla base delle esigenze (per trekking si necessita prenotazione anticipata). Cucina casalinga dalle prelibatezze della taiga della tradizione locale. Pernottamento in rifugio forestale.

 Tuva

Colazione. La mattinata inizierà con una passeggiata fotografica lungo il pittoresco fiume Ona, che si unisce con il grande fiume Anzas. Le creste delle montagne Sayan sullo sfondo, contribuiscono a rendere il paesaggio magnificente. Proseguimento sulla strada per il passo di montagna Ak-Dovurak, il cui picco rappresenta il confine ufficiale tra Khakassia e Tuva, con tappa per rituale di benedizione di uno sciamano lungo la strada. Partenza per le steppe di Tuva. La prima tappa sarà il villaggio Bizhigtik-Khaya, vicino al quale è presente una statua in granito di 1200 anni del guerriero Kizhi-Kozhae. Nelle steppe e nei dintorni di Tuva, ci sono circa 200 sculture di questo tipo, originariamente utilizzate come oggetti di culto. L’esploratore inglese, Douglas Carruthers, notò che queste figure di pietra erano identiche a “qualsiasi colonnello dell’esercito britannico, dai baffi ben pettinati e divisi, al portamento militare”.
Trasferimento a Kyzyl-Dag, il villaggio di scalpellini e fabbri. Workshop con i maestri della tradizione artigiana, che condivideranno i loro segreti. Su una popolazione di 800 persone ci sono 40 membri dell’Unione Russa Artisti. Unico, l’agalmatolite di pietra o “pietra saponaria” che, grazie alla sua particolare struttura, ispirò molte generazioni di scalpellini. Alloggio in famiglia nel villaggio di Taeli. Cena tradizionale tuvina. Pernottamento in alloggio homestay.

 Monastero Buddhista di Tuva e complesso yurta

Colazione e trasferimento dal villaggio di Taeli al complesso etnografico Aldyn-Boolak. È un complesso di yurte tradizionali, circondato dalle colline e situato sulla curva del fiume Ylug-Khem. Le yurte sono fatte nello stile tradizionale tuvino. Sulla strada, visita ad uno dei più grandi e famosi monasteri buddhisti di Tuva, l’Ustuu-Khuree, nella città di Chaadan. Qui, è stata inventata la base dell’alfabeto nazionale e coniata la prima moneta della Repubblica popolare di Tuva. Il monastero Ustuu-Khuree fu fondato nel 1905 e fu chiuso nel 1930 dal governo sovietico, che tentò di distruggere il tempio, ma i muri di fango ressero. Il restauro del monastero ha richiesto enormi finanziamenti. Interni luminosi, decorazioni bellissime e una pace perfetta sono le caratteristiche di questo luogo. Cena in stile tuvino. Pernottamento nel confortevole accampamento locale di Aldyn-Bulak.

 

Kyzyl

Dopo colazione, la giornata inizierà con un’escursione intorno ad Aldyn-Boolak. Verrà attraversata la Porta celeste di Shamballa, spiegato perché i Khan hanno scelto quel posto per il loro accampamento e si vedrà il simbolo di culto “Ovaa Khoomeya”, una freccia dorata che mira il cielo. Trasferimento a Kyzyl, capitale della repubblica di Tuva. Visita al Museo Nazionale con il famoso “Oro degli Sciti”, la cui scoperta, nel 2001, ha riscritto la storia di questo popolo. Decorazioni in oro, costruito più di 10 secoli fa, affascinanti per la complessità dei modelli e la precisione del lavoro. Camminata fino all’obelisco, che indica il “Centro geografico dell’Asia”, nel punto di unione dei fiumi Grande Yenisei e Piccolo Yenisei. Il gruppo di sculture “Tsar hunting” di Dashi Namdakov, hanno vinto un prestigioso premio in Italia nel 2013. Le sue opere possono essere trovate nelle collezioni di musei in 25 paesi, tra cui l’Hermitage e la “Casa del Tibet” di New York. Le sue sculture sono presenti anche nelle collezioni private del presidente russo e delle star di Hollywood. Questo ha fatto di Dashi Namdakov, uno degli scultori e artisti più richiesti del nostro tempo. Trasferimento al villaggio di Sizym e sistemazione nel lodge della foresta. Pernottamento in lodge.

Tradizione, storia e cultura degli antichi credenti

Dopo colazione, verrà insegnato cos’è il “sobor”, come i vecchi credenti trovano le spose, quante sciarpe dovrebbero essere indossate dalle donne sposate ed altre interessanti curiosità. Camminata lungo i lati pittoreschi del fiume Sizym. Workshop sulla creazione dei “Valenki” (stivali tradizionali fatti di feltro). Passeggiata al tramonto alla Montagna dell’Amore, con una magnifica vista sul villaggio. A seguire, sauna russa, “banya”, “venik” (rami di pino immersi nell’acqua calda e usati per migliorare le condizioni di salute). Cena tradizionale con “kvas” degli antichi credenti (bevanda alcolica leggera). Pernottamento in lodge.

Workshop e pesca

Possibilità di scattare una foto della bellissima alba prima di colazione. Workshop sulla cucina degli antichi credenti: uno chef esperto mostrerà come cuocere le torte di taiga, svelerà il segreto della salsa piccante al rafano e illustrerà la preparazione del lievito con le patate. Workshop sulle imbarcazioni d’altri tempi e prova di tessitura di stuoie. Per gli amanti della pesca, in inverno possibilità di andare a pescare sul ghiaccio (in base alle condizioni meteorologiche) e, in estate, possibilità di girare in motoscafo lungo il fiume Yenisei, attraverso le rapide e di pescare in tranquille pozze. Nel pomeriggio, passeggiate a cavallo intorno a pittoresche colline. In serata, racconti del maestro riguardo le erbe della taiga e la fitoterapia. Verrà insegnato come riconoscere le diverse tisane e come crearne di nuove. In serata sauna alle erbe (per chi vuole provarla). Cena di arrivederci con il cognac fatto in casa dai vecchi credenti. Pernottamento in lodge.

Riserva Ergaki

Dopo colazione, trasferimento da Sizym a Kyzyl. A Kyzyl visita al mercato centrale e degustazione delle tradizionali prelibatezze del latte di Tuva, come il formaggio non salato “byshtak”, la ricotta secca “kurut” e persino la vodka al latte “araka”. Trasferimento alla riserva nazionale Ergaki. Paesaggi pittoreschi di montagna, picchi granitici, rapide del fiume sono circondati da laghi color smeraldo e pacifiche valli create dai ghiacciai milioni di anni fa. Pernottamento in rifugio forestale.

Villaggio degli artigiani

Dopo colazione, trasferimento al villaggio degli artigiani, Petropavlovka. Immersione in una cultura incredibilmente creativa, che spazia dalla musica, all’arte e dall’artigianato, alla costruzione di case.
Gli ospiti possono scegliere di provare un workshop relativo ad uno dei seguenti punti di interesse:
• Tessitura della canna
• Blacksmithing (come forgiare un’ascia)
• Esposizione agli agenti atmosferici
Possibilità di provare a suonare i tradizionali strumenti russi e apprendere le basi, oltre che creare in prima persona strumenti musicali sotto la guida attenta di un maestro, che lavora nel campo da oltre 30 anni. Le lezioni di perfezionamento si svolgono sia in laboratorio che all’aperto, immergendosi nel tradizionale stile di vita russo. Il pranzo e la cena sono fatti in casa in stile contadino. Pernottamento in famiglia, homestay.

Tradizione

Intrattenimenti russi tradizionali: giro in carrozza, laboratori, pesca. Di sera è possibile riprovare la sauna russa “banya”. Pernottamento in homestay.

Fine dell’avventura!

Colazione e trasferimento a Krasnoyarsk. 

siberia

La quota include

La quota non Include

vuoi parlare con un Travel Expert?

Contattaci!